Cammino Raduno
Cammino Raduno

L’Associazione Europea Vie Francigene ha diffuso le statistiche annuali sull’antica Via nel 2022. Numeri in crescita fra i giovani 


Premesso che i dati forniti nel consueto report annuale dall’Associazione Europea Vie Francigene si basano su stime indicative, offrono comunque ottimi criteri di valutazione circa l’andamento dell’antico cammino di Sigerico e in generale del mondo dei cammini in Italia e non solo. AEVF ha raccolto le informazioni sottoponendo un sondaggio a 3985 pellegrini al momento della ricezione delle credenziali. Uno fra i tanti dati che emerge è certamente quello dei 50 mila camminatori che per almeno una settimana hanno percorso un tratto della Via Francigena. Numeri che confermano il trend di crescita del turismo lento outdoor che si avvicina se non addirittura raggiunge i numeri del 2019, l’anno pre pandemia. La parte del cammino più frequentato risulta essere la Toscana mentre i camminatori a lungo raggio prediligono partire da Canterbury (Inghilterra), Calais e Besançon (Francia), Losanna e Passo del Gran San Bernardo (Svizzera) oppure Aosta (Italia).

I Millennials si scoprono camminatori 

@Silvia Ferretti Creative Commons 3.0

In costante crescita il numero di giovani che decidono di mettersi in cammino; nel 2022 la fascia di età compresa fra i 25 e i 34 anni ha rappresentato il 22% dei camminatori mentre il 21% è costituito da pellegrini di età compresa fra i 55 e i 64 anni. Sul terzo gradino del podio sale la fascia di età 45 e 54 anni che sono il 19% del totale. La crescita della Generazione Y sui cammini è del resto legata ad altre ricerche che hanno dimostrato come i Millennials sono molto attenti alla sostenibilità e all’impatto ambientale delle proprie scelte, compresi i consumi e il modo di fare turismo.  

Le credenziali distribuite dall’Associazione Europea Vie Francigene

Lo scorso anno, l’Associazione Europea Vie Francigene, ha distribuito 17.500 credenziali e sono cresciuti i punti di distribuzione delle credenziali di AEVF, passatati da 95 nel 2021 a 115 nel 2022. Questi numeri rappresentano una parte dei camminatori che percorrono la Via Francigena considerato che non esiste un osservatorio ufficiale di monitoraggio degli afflussi e che vengono distribuite credenziali anche di altre associazioni.  

La Via Francigena attrae sempre più stranieri 

Anche se a farla da padrone in termini numerici restano gli italiani (70%) seppur registrando un lieve calo rispetto al passato, crescono invece gli stranieri. Sul secondo e terzo gradino del podio sale la Francia e gli Stati Uniti mentre a seguire ci sono gli spagnoli, inglesi, olandesi, tedeschi, canadesi e australiani. Ma anche se in misura inferiore si sono registrati pellegrini provenienti da tutti i continenti.  

Tanti i camminatori 4.0  

Oltre ai dati statistici del sito dell’Associazione Europea Vie Francigene (700mila utenti con 4 milioni di pagine viste) è interessante notare come il moderno pellegrino apprezzi le applicazioni digitali. Quella della Via Francigena, realizzata da AEVF e resa disponibile gratuitamente è stata scaricata 15.113 volte. 

I dati completi sono consultabili sul sito dell’Associazione Europea Vie Francigene cliccando qui

Tags:
Giornalista, fondatore di Francigena News. Ho collaborato per diversi anni con il Gruppo l'Espresso scrivendo praticamente di tutto prima di dedicarmi esclusivamente al turismo lento outdoor. Sono un assiduo sbobinatore di diari di viaggi lenti alla ricerca di emozioni da raccontare.

Related Article

0 Comments

Leave a Comment