Feder Cammini
Feder Cammini
Banner Content

Nicola ed Erin su una cargobike fino a Santa Maria di Leuca per aiutare un rifugio che ospita cani anziani 


Lui è Nicola Inversi vive a Roma, è un appassionato di ciclo viaggi a lungo raggio, è guida escursionistica ed amante della montagna in tutte le sue sfaccettature e ha un amore sconfinato per gli amici a 4 zampe. Stamattina insieme all’inseparabile Erin, un labrador di undici anni fedele amica e compagna di viaggi lenti, è partito da Aosta in sella a una cargobike opportunamente adattata per i lunghi viaggi. Il progetto si chiama FrancigErin 2024, la destinazione è che raggiungeranno percorrendo la Via Francigena proseguendo poi fino a Santa Maria di Leuca.

Oltre all’Italia hanno pedalato in giro per l’Europa; l’anno scorso hanno tentato di conquistare Capo Nord partendo da Roma ma si sono fermati a Stoccolma. Un bel giretto lo stesso.  

Un ciclo viaggio iniziato grazie alla solidarietà

Affrontare un ciclo viaggio di lunga percorrenza comporta una minima organizzazione logistica che deve essere minuziosa e seguita nei dettagli ma, nonostante questo, gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. Già nella giornata di sabato, cruciale perchè anticipa quello della fatidica partenza, un paio di inconvenienti hanno richiesto impegno e un pizzico di fortuna per risolverli. Infatti, la linea ferroviaria per Aosta era chiusa per lavori e solo il provvidenziale aiuto di Andrea e Gianluca «due ragazzi che nemmeno conoscevo» ha reso possibile la partenza. Andrea è andato a prendere i due ciclo viaggiatori alla stazione di Ivrea per trasportarli fino ad Aosta mentre Gianluca si è reso disponibile a ricevere la bicicletta spedita giorni prima dalla Capitale e tenerla in deposito fino al giorno della partenza oltre ad avere effettuato alcune riparazioni di emergenza per rimediare ai danni subiti nel trasporto.

«La bicicletta non è al top -. spiega Nicola – e durante il viaggio potrebbero esserci altre sorprese, ma senza il loro aiuto questo progetto non sarebbe nemmeno partito. E invece parte già alla grande, perché ho conosciuto due splendide e generose persone che non hanno esitato nemmeno per un momento ad aiutare uno sconosciuto».

Un gesto di solidarietà che ha commosso molti follower di Nordik Dream, la pagina Facebook di riferimento. Vanessa scrive: «un grazie immenso ad Andrea e Gianluca. È bello sapere che esistono persone come voi». Gli fa eco Pino che scrive: «mi dispiace tanto per la cargobike ma non mi stupisce che tu abbia incontrato delle persone che ti hanno aiutato. Le belle persone si attraggono» mentre Antonella dice: «per fortuna ci sono ancora persone gentili e generose». FrancigErin dimostra da subito di avere un notevole seguito caratterizzato dalla gentilezza e da tanta sensibilità come del resto lo è il nobile gesto della raccolta di fondi da destinare alla Lega del Cane di Giovinazzo, un rifugio riservato a cani anziani gestito dai volontari della LNDC Animal Protection. Un viaggio della solidarietà sulle orme dei pellegrini che nei secoli hanno percorso le antiche vie verso Roma, 2300 chilometri tra cultura, arte e natura. La prima tappa è di 85 km fino a Borgofranco d’Ivrea, raggiunta alle 17.30 precise e festeggiata con un messaggio sintetico ma molto efficace «siamo arrivati!». FrancigenErin 2024 è un progetto patrocinato dall’Associazione Europee Vie Francigene e da Aigae ed è sostenuto da Biotex.

25 marzo 2024

Banner Content
Tags: , , ,
Direttore responsabile

Related Article

0 Comments

Leave a Comment

nove − 2 =

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER