Feder Cammini
Feder Cammini
Banner Content

Tutte le tecniche per indossare lo zaino in maniera comoda e confortevole e non sollecitare in modo errato le nostre articolazioni


La scelta della tipologia dello zaino è molto importante per vivere in comodità la nostra camminata/trekking/hiking e ne abbiamo già discusso in questo articolo.

Oggi però parleremo di come indossarlo in maniera comoda e confortevole al fine di non sollecitare in modo errato le nostre articolazioni, in primis la schiena ed il bacino.

Premessa

Prima di affrontare il problema dal punto di vista pratico, qualche premessa “fisico-statica” é d’obbligo.

Quando andiamo a indossare uno zaino, specialmente se molto pesante, andiamo a spostare il nostro baricentro verso l’alto perdendo di stabilità ed equilibrio, questo è il motivo per cui ci incliniamo in avanti cercando così di risolvere il problema.

Quindi l’obiettivo di una buona regolazione è quello di riportare il peso verso le anche e l’addome per evitare posture errate che col tempo possono andare a danneggiare muscoli e struttura ossea.

Una regola generale che tutti dovremmo osservare, specialmente se stiamo indossando zaini dal peso importante, è quella che permette di scaricare il peso al 70% sul bacino ed il restante 30% sulle spalle proprio per proteggere la colonna vertebrale da sforzi eccessivi.

Detto questo è facilmente intuibile perché uno degli accessori più importanti di uno zaino sia la cintura lombare, perché sarà proprio quella parte dello zaino a contatto con il corpo dove si scaricherà la maggior parte del peso e dei problemi.

Un altro aspetto molto importante è che il materiale all’interno dello zaino deve essere caricato in modo corretto.

Dobbiamo quindi distribuire il peso innanzitutto in maniera simmetrica, e cercando di mantenere il peso maggiore vicino alla schiena nella parte mediana dello zaino.

Detto ciò andiamo a vedere nella pratica cosa dobbiamo fare per indossare e regolare il nostro zaino.

Importantissimo, ricordiamo che lo zaino va regolato sempre e solo da pieno……..non fate i furbini!!!

Poche semplici regole sempre utili

Eccovi alcune semplici regole generali e sempre buone per preparare il nostro zaino ad una camminata senza intoppi:

Allentate tutte le cinghie. Andate ad allentare tutte le cinghie, la cintura lombare, gli spallacci ecc…..arrivate fino a fine corsa. Fatelo anche come verifica che tengano ancora la tensione. Se così non fosse, é arrivato il momento di cambiare zaino.

Indossate lo zaino. Mettetevi lo zaino rimanendo chinati in avanti.

Posizionare la cintura lombare. Posizionate la cintura lombare all’altezza dei fianchi e stringete le cinghie. La posizione ideale è tra la cintura dei pantaloni e l’ombelico. Tendete le cinghie fino a quando sentirete aderire (non stringere) la fascia. Più in alto vi “tagliate il fiato”, troppo sotto sentirete la fascia di impiccio quando camminate o fate degli scalini.

Regolate gli spallacci. Andate adesso a stringere gli spallacci facendo in modo che aderiscano al corpo senza andare a tendere eccessivamente. Sono spallacci, il loro scopo è quello di mantenere lo zaino ed il relativo peso aderente alla vostra schiena e stabilizzarlo.

Regolate le cinghie di tensione degli spallacci. Ora andate a tirare le cinghie di tensione in modo da avvicinare ulteriormente lo zaino al nostro corpo. Effettuare la stessa operazione anche con le cinghie di tensione della cintura lombare se presenti. Entrambi sono cinghie di regolazione, NON sono lacci emostatici, NON esagerate.

Chiudere il cinturino pettorale. Chiudete il cinturo pettorale e stringete fino a farlo aderire al petto così da scaricare parte del peso degli spallacci sul petto. Inoltre dovete andare a regolare l’altezza del cinturino in modo da tenere liberi i movimenti del petto (questa possibilità non è presente in tutti gli zaini).

Allentate leggermente gli spallacci. A questo punto andate a rilasciare leggermente gli spallacci in modo da riportare il grosso del peso sui fianchi.

Fatto questo possiamo iniziare il nostro cammino, dopo una decina di minuti possiamo effettuare le ultime regolazioni e le piccole modifiche del caso.

Solo muovendovi capirete dove dovrete andare ad allentare o stringere certe cinghie per non sentire fastidi o tensioni, ovviamente senza andare a stravolgere il setup iniziale. Ricordatevi che lo zaino deve rimanere il più stabile possibile, deve evitare dondolii e deve essere aderente al vostro corpo.

Vi consigliamo inoltre di provare al meglio lo zaino in negozio per evitare sorprese durante le escursioni e chiedete al negoziante di riempire lo zaino con un peso verosimile a quello che caricherete.

Consigli dell’amico

Se vi trovate in montagna potrebbe aiutarvi andare a “giocare” con il peso e portarvelo di più verso il bacino (in discesa) o verso le spalle (in salita) al fine di aiutarvi in questi percorsi.

13 febbraio 2023

Acquistando tramite i link qui sotto contribuisci a sostenere Francigena News. Per te il prezzo non cambia e noi riceviamo una piccola commissione. Grazie

Banner Content
Tags: , , , ,
Geologo, guida ambientale escursionistica Aigae (Er 366) e divulgatore scientifico.

Related Article

0 Comments

Leave a Comment

uno × cinque =

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER