Ospitalità religiosa, persi 30.000 posti letto con la pandemia

Ospitalità religiosa, persi 30.000 posti letto con la pandemia

Circa 500 strutture chiuse definitivamente. Tremila ancora attive con circa 250 mila posti letto.

Con la fine dell’emergenza pandemica, anche conventi, monasteri e case religiose fanno i
conti con le conseguenze del coronavirus sull’accoglienza: nell’offerta si registra una perdita
di circa 30mila posti letto in tutta Italia, con quasi 500 strutture chiuse definitivamente
all’ospitalità o destinate ad altri usi.

Casa Regina del Santo Rosario – Firenze. Autore: Lee Alberti Lorenzo 
Copyright: CC BY-ND 4.0


Lo rileva l’Associazione Ospitalità Religiosa Italiana nel rapporto annuale del 2022, insieme
ad altri interessanti dati su questo segmento dell’ospitalità destinato all’accoglienza per
motivi spirituali, turistici, lavorativi o studenteschi.
Le strutture dell’ospitalità religiosa in Italia sono poco più di tremila con circa 250mila posti letto, gestiti in gran parte da enti religiosi (ordini, congregazioni, diocesi e parrocchie) o di loro proprietà.
La parte del Leone la fa il Lazio, con 31.581 posti letto e centinaia di strutture
su Roma che fanno riferimento alle case generalizie di ordini e congregazioni. Seguono
Emilia Romagna (20.548) e Veneto (20.418).
Ma la regione con il miglior rapporto rispetto al numero di abitanti è di gran lunga la Valle
d’Aosta, con 32 posti letto in strutture religiose ogni 1000 abitanti. A seguire l’Umbria (13)
e il Friuli-Venezia Giulia (9).
Tra i servizi più diffusi nelle strutture dell’ospitalità religiosa il parcheggio auto (73%), la
sala riunioni (69%) e il giardino (69%). Un terzo delle case si trova in centro città, un terzo
in zone di montagna e l’ultimo terzo suddiviso tra mare e natura.

Comunicato stampa ospitalitàreligiosa.it

/ 5
Grazie per aver votato!