Feder Cammini
Feder Cammini

Sono 5 pellegrine a percorrere l’intero Cammino di San Giovanni. Intanto avanza la segnaletica, il 24 giugno c’è l’inaugurazione


Il neonato Cammino di San Giovanni inizia la sua storia colorandosi di rosa grazie a cinque pellegrine che per prime hanno percorso i 53 chilometri che si snodano nella parte sud di Milano percorrendo la campagna della Martesana e dell’Alto Lodigiano, collegando Melzo a Borgo San Giovanni (Lo). Lo hanno fatto mentre la segnaletica provvisoria è ancora in fase di posizionamento anche se quasi ultimata, raccontando poi la loro esperienza con un post.

Tutto nasce da una pellegrina che organizza nel dettaglio il cammino coinvolgendo poi altre quattro pellegrine, alcune delle quali si sono conosciute davanti ad un caffè e un succo di frutta, sorseggiati in un bar di Melzo prima della partenza, il 24 aprile scorso.

“Non importa – si legge nel post – il cammino non deve essere solo un movimento di gambe ma deve essere un momento di scoperte e di incontri. Si cammina e si parla, si parla e si cammina…ma non perché siamo donne. Camminando si scopre che forse esiste qualcosa al di fuori della nostra porta di casa. Qualcosa e qualcuno.”

Un cammino affrontato con entusiasmo dalle cinque pellegrine che per due giorni hanno lasciato alle spalle la comfort zone caricandosi uno zaino e mettendosi in marcia per prime sul cammino che ricalca le orme di San Giovanni Battista. Attraversano il caratteristico centro storico di Melzo, una visita alla chiesetta di Sant’Andrea con affreschi attribuiti alla scuola leonardesca poi via sulle strade bianche che attraversano le sterminate campagne fino a raggiugere il santuario di Rezzano dove due delle cinque pellegrine hanno celebrato il loro matrimonio, più o meno vent’anni fa.

Hanno proseguito fino a Truccazzano raggiungendo il canale Muzza, “il cui scorrere delle sue acque accompagna le parole ed i passi, che si succedono ormai ininterrotti”. Poi arrivano a Comazzo, superano Vaiano, e arrivano a Merlino, “tra mulini, campi di grano ed un cielo azzurro più del mare” fino a raggiugere successivamente il santuario di San Giovanni al Calandrone, tappa nevralgica del cammino.

Passo dopo passo fino a Lodi superando il ponte dove Napoleone ha condotto uomini e cavalli in nome della liberazione dal popolo invasore, poi la visita in piazza Vittoria col suo imponente Duomo e al Tempio civico della Beata Vergine Incoronata, capolavoro del rinascimento lombardo. Una pioggia ha bagnato il cammino delle pellegrine nei pressi di Lodi Vecchio ma a Borgo San Giovanni, punto d’arrivo del cammino è spuntato il sole.  

Abbiamo lasciato molte impronte durante il nostro passaggio, gli incontri parecchi, le parole, i panorami, gli odori della natura, gli abitanti del territorio (persone e non), preghiere e ceri accesi; ecco i veri compagni di viaggio…, la nostra ministoria – conclude il post – è terminata, ma il nodo di San Giovanni non si slegherà e terrà unite le nostre vite…

A maggio c’è stata la presentazione del Cammino di San Giovanni

È un periodo ricco di appuntamenti per il neonato Cammino di San Giovanni, il percorso in Pianura padana che si snoda nella parte sud di Milano percorrendo la campagna della Martesana e dell’Alto Lodigiano, collegando in 53 chilometri Melzo a Borgo San Giovanni (Lo).

A marzo si è tenuta una prima presentazione del progetto (ne abbiamo parlato qui) poi, agli inizi di maggio, la presentazione ufficiale del Cammino di San Giovanni svoltasi a Melzo che ha richiamato numerosi partecipanti. (Nella foto a sinistra)

A tal proposito il gruppo direttivo dell’Associazione Cammino di San Giovanni ha commentato con soddisfazione:

“Vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno partecipato a questa serata, che l’hanno resa possibile e che ci ha permesso ancora di condividere questo progetto. Ci entusiasma vedere l’attenzione riposta dalle amministrazioni e dalle diocesi, ma soprattutto dalle tante persone che ci chiedono informazioni.”

Intanto i volontari e gestori del nuovo cammino stanno instancabilmente posando la segnaletica provvisoria lungo il tracciato e nei giorni scorsi i cartelli del cammino sono stati poizionati a Lodi, poco prima di Borgo San Giovanni, punto d’arrivo del Cammino di San Giovanni.  

Il 24 giugno l’evento inaugurale sulla prima tappa Melzo – Merlino 

Dopo la lunga fase progettuale che ha interessato la parte logistica e pratica del tracciato, una accurata ricerca storica e spirituale sulla figura di San Giovanni Battista, la realizzazione del sito web, la ricerca delle strutture di accoglienza e di ristoro, la realizzazione della carta del pellegrino è prossima la data per muovere i primi passi sul Cammino di San Giovanni.

L’evento inaugurale è per il 24 giugno per percorrere la prima tappa Melzo – Merlino (circa 20 km). Per iscrizioni clicca qui

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook del Cammino di San Giovanni

Banner Content
Tags:
Giornalista, fondatore di Francigena News. Per diversi anni collaboratore del Gruppo Editoriale l'Espresso ha realizzato guide escursionistiche allegate al Corriere della Sera. Ex gestore di un B&B sulla Via Francigena, è un assiduo sbobinatore di diari pellegrini alla ricerca di emozioni da raccontare.

Related Article

0 Comments

Leave a Comment

18 − uno =